Windows – Forzare la mappatura degli indirizzi IP ai nomi host

Per chi sviluppa piattaforme web, spesse volte capita la situazione di lavorare ad un aggiornamento del sistema che ovviamente non è online e che magari risiede su una diversa macchina della versione originale che continua a “girare” normalmente.

Ovviamente durante lo sviluppo di una piattaforma da aggiornare, la versione precedente deve continuare ad essere online finchè la nuova versione non è pronta, ma d’altro canto anche chi lavora alla nuova implementazione deve poter testare il nuovo software e quindi mettelo in rete per avere un feedback.

La cosa più veloce da fare in questi casi per chi utilizza come sistema operativo Windows, è quella di aprire il seguente file:

C:\WINDOWS\system32\drivers\etc\hosts

 

Questo file permette di forzare la mappatura degli indirizzi IP: vediamo un esempio. Supponiamo di stare lavorando alla nuova versione del sito www.mysite.com : ovviamente potremmo posizionare la nuova versione in una sottocartella e risolvere il problema, ma se l’applicativo è di una certa dimensione o se la nuova versione risiede su un’altra macchina più nuova e performante ma che è mappata con lo stesso dominio, allora si presenta il problema. Ovviamente finchè non facciamo un reindirizzamento quando scriveremo sul nostro browser www.mysite.com continuerà ad vedersi la vecchia versione, ma allo stesso tempo non possiamo fare il reindirizzamento finchè la nuova versione non è pronta.

Allora possiamo forzare, attraverso alcune mofiche al file di cui sopra, la mappatura del sito, e quando digitiamo nel browser www.mysite.com vedere la versione in sviluppo residente nella macchina che indichiamo: ovviamente questa modifica varrà solo in locale, saremo gli unici a vedere sotto il dominio www.mysite.com la nuova versione, gli altri continueranno a non vedere modifiche.

Vediamo un esempio pratico, supponendo che la versione attuale del dominio www.mysite.com risieda su xxx.xxx.xxx.xxx mentre quella nuova risiede su yyy.yyy.yyy.yyy . Per effettuare la forzatura è sufficiente aggiungere al file hosts la seguente riga:

yyy.yyy.yyy.yyy                www.mysite.com

Una volta salvato il file e aperto il browser, quando andremo a scrivere www.mysite.com ora vedremo la versione in sviluppo, e potremmo lavorare e testare tranquilli. Una volta finito, possiamo o commentare ( aggiungendo davanti alla riga il simbolo # ) o cancellare la riga, e tutto tornerà come prima.

5 commenti su “Windows – Forzare la mappatura degli indirizzi IP ai nomi host”

  1. dai cercavo una miniguida su google per il cliente e ho trovato questa pagina!!!!
    e fra l’altro a dirla tutta sei stato proprio tu lungo tempo addietro ad insegarmi come forzare i dns attraverso il file di host 😉

  2. Pingback: indice.it
  3. Pingback: upnews.it

I commenti sono chiusi.