JAVA – Gestire, Lanciare, Creare eseguibili Java

Nonostante la crescita esponenziali di linguaggi di programmazioni come PHP o Ruby, Java continua a mantenere un posto di primo ordine nel cuore degli sviluppatori. Oltre all’essere un linguaggio sicuro e divertente, permette di integrarsi in ogni piattaforma, grazie alla Java Virtual Machine, e come se non bastasse, permette l’integrazione di piattaforme stand-alone con piattaforme web-side, lasciando praticamente assoluta libertà di creazione e fantasia allo sviluppatore.

Ci sono molti pacchetti, soprattutto per chi utilizza Windows, che auto-installano Java e che forniscono strumenti per iniziare a sviluppare piccoli applicativi con questa meravigliosa tecnologia. Ovviamente i professionisti si avvalgono di strumenti ben diversi, già a partire dall’installazione, che ovviamente fanno a mano.

In questa mini guida, tuttavia, non ci dedichiamo alla installazione di Java su sistemi Windows o Linux, ma concentriamo la nostra attenzione a come gestire gli eseguibili Java, ovvero i file che permettono alla nostra applicazione di “girare” .

Quando ci troviamo di fronte ad una applicazione stad-alone scritta in java, quasi sicuramente incontriamo file con un’estenzione particolare: .jar . Questa è proprio l’estenzione che caratterizza gli eseguibili in Java, almeno quelli “regolari” (vedramo più avanti che ci sono metodi che permettono la manipolazione di tali file, per estendere il loro utilizzo).

Di fronte ad un file .jar, possiamo utilizzare il seguente comando per lanciare l’applicazione Java:

java -jar nome_file.jar

Qeusto comando è utile per lanciare l’applicazione quando abbiamo a disposizione solo la linea di comando o quando non riusciamo a lanciare l’applicazione direttamente cliccando sul file .jar (probabilmente perchè sul proprio sistema operativo non si è configurato bene l’ambiente, o la variabile CLASSPATH non è stata settata correttamente).

Abbiamo quindi visto il comando per lanciare eseguibili Java: ma se, una volta conclusa la fase di sviluppo della nostra piccola applicazione, volessimo creare un eseguibile? Ecco come fare.

Esistono diversi tool freeware che permettono non solo la compilazione e la creazione di file .jar, ma addirittura di creare eseguibili .exe per l’ambiente Windows. Uno esempio di tale applicativo è scaricabile qui. Java Launcher è veramente un ottimo prodotto: semplice e veloce, leggero e utile per chi, lavorando in ambiente Windows, ha incontrato difficoltà con gli eseguibili Java.

Un altro tool davvero interessante è Jelude: anche questo tool permette di passare da eseguibili .jar a eseguibili .exe . E’ sufficiente seguire questo link per leggere tutta le documentazione e scaricare il necessario.

Ovviamente questi tool sono utili per l’ambiente Windows, in particolare lì dove non è stato installato il Java Runtime Environment (JRE) o il JRE non viene riconosciuto sul proprio sistema Windows (probabilmente in questo caso ci sono problemi di configurazione). Per gli utenti Linux, ovviamente, i file .exe non servono a nulla o quasi, ma non si dovrebbero incontrare grossi problemi, visto che in praticamente tutte le distruzioni JRE è praticamente fornito con il sistema operativo stesso.

5 commenti su “JAVA – Gestire, Lanciare, Creare eseguibili Java”

  1. Pingback: pligg.com
  2. Pingback: indice.it
  3. Pingback: upnews.it
  4. Pingback: diggita.it

I commenti sono chiusi.