I migliori scanner per le vulnerabilità di rete

Gestire un server, in particolare un server Linux, è un’attività che richiede parecchio lavoro e costante impegno. Per svolgere al meglio il proprio lavoro, soprattutto se si è responsabili di una macchina, è necessario seguire con attenzione gli aggiornamenti e le security patch rilasciate per il proprio sistama operativo, o per gli applicativi utilizzati.

Ma è ovviamente molto difficile avere tutto sotto controllo senza un ausilio “esterno”: ecco a cosa servono i tool come Tiger, Nmap e Nessus.

Questi tool hanno diverse caratteristiche interessanti, alcuni sono più precisi, altri più approfonditi, ma comunque hanno uno scopo in comune: permettere all’amministratore di rete di monitorare il proprio sistema e scoprire le vulnerabilità prima che sia troppo tardi.

Tiger e Nmap sono in effetti più semplici da installare ed utilizzare, ma è anche vero che non raggiungono la profondità di analisi e la precisione di Nessus.

Quest’ultimo è eseguibile su diversi sistemi operativi, tra i quali ci sono i seguenti:

  • Red Hat ES 3, ES 4, and ES 5 (i386 and x86-64)
  • Fedora Core 7 and 8
  • SUSE 9.3 and 10.0
  • Debian 4 (i386 and amd64)
  • FreeBSD 6.0
  • Solaris 9 and 10
  • Mac OS X 10.5
  • Windows 2000, XP, Server 2003, Server 2008, and Vista
  • Enterasys Dragon appliance running Dragon 7.2 or later

Anche gli altri due tool supportano diversi sistemi operativi, per questo motivo conviene leggere le rispettive documentazioni e le rispettive liste di plugin per capire quale sia il tool che meglio si addice all’analisi che vogliamo eseguire sul nostro sistema.

In particolare, i link a cui facciamo riferimento sono i seguenti:

Non proseguiamo con ulteriori spiegazioni, visto che la documenzione di ogni tool è veramente esauriente ed intuitiva. Ad ogni modo, rimaniamo come sempre a disposizione per chi incontrasse difficoltà nella configurazione, nell’installazione o nell’utilizzo.

5 commenti su “I migliori scanner per le vulnerabilità di rete”

  1. Pingback: pligg.com
  2. Pingback: indice.it
  3. Pingback: upnews.it
  4. Pingback: diggita.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*