EzPublish – Disabilitare le cache durante lo sviluppo

EzPublish è un prodotto davvero interessante. Proprio per questo motivo, abbiamo deciso di creare una sezione dedicata a questo framework.

E’ un prodotto per certi versi molto complesso, per il quale la curva di apprendimento è sicuramente elevata, ma una volta che si prende possesso delle sue funzionalità, si ha a disposizione un vero e proprio ambiente di sviluppo per portali web.

Prima di iniziare lo sviluppo, è buona norma disabilitare la cache del template di EzPublish. EzPublish infatti usa la cache per velocizzare il caricamento delle pagine, ed incrementare le perfomance del portale in ambiente di produzione.

In ambiente di sviluppo, però, questo meccanismo rallenta di molto il lavoro, perchè con la cache attiva, è necessario ad ogni modifica eseguire il “flush” (ovvero lo svuotamento) della cache per vedere le modifiche al portale.

Per eseguire il “flush” è necessario effettuare l’accesso all’interfaccia di amministrazione e:

  1. Cliccare sul tab Impostazioni.
  2. Cliccare sul bottone Svuota tutte la cache.

In aggiunta, dobbiamo disabilitare il caching del template in fase di compilazione. Per fare questo  e permettere quindi di visualizzare “al primo colpo” le modifiche effettuate dobbiamo disalibitare le seguenti cache:

  • compilazione del template
  • cache della vista
  • cache di override

Le configurazioni per disabilitare queste sono contenuto all’interno del file di configurazione

/settings/site.ini

Le configurazioni da sdisabilitare sono le seguenti:

[TemplateSettings]

TemplateCompile=disabled 

[ContentSettings]

ViewCaching=disabled 

[OverrideSettings]

Cache=disabled

Custom Frontpage Template

Le performance del nostro portale EzPublish saranno notevolmente ribassate, durante la fase di sviluppo, avendo appunto disabilitato le cache. Ovviamente le cache dovranno essere riabilitate prima che il sito passi all’ambiente di produzione.

6 commenti su “EzPublish – Disabilitare le cache durante lo sviluppo”

  1. ..figurati!! :em23:

    Sicuramente, come ti accennavo, bisogna capire bene il funzionamento dell’operatore FECTH, soprattutto in associazione con l’ “attribute_filter” (il paramentro che crea le clausole WHERE, per intenderci); questi ti permettono di controllare le tue queries, di filtrare il result set prelevando effettivamente quello che ti interessa!

    Lì dove puoi utilizzare l’ “attribute_filter” non farne a meno, perchè le prestazioni miglioreranno consideravolmente!

    Altra cosa da considerare, forse ancora più importante, è il fatto che EZ è progettato per fare quasi tutto il lavoro di logica attraverso l’ammistrazione dell’applicativo, lasciando al frontend le “rifinuture”.

    Questo vuol dire che bisognerebbe evitare di scrivere pesante logica nei file del proprio template: se questo accede, è molto probabile che ci si trovi di fronte ad un problema di progettazione ed analisi!

    Le correlazioni con gli oggetti, le relazioni tra le classi e le collocazioni dovrebbero essere gestite tutte con l’interfaccia grafica dell’amministrazione:
    in questo modo la nostra attenzione si può concentrare sul frontend, dove a questo punto possiamo recuperare i dati con delle FECTH mirate!

    Un elemento anche molto importante è il risultato dall’analisi preliminare del progetto: EZ ha delle caratteristiche ben precise, che potrebbero non sposarsi con le caratteristiche del progetto…sembra una cosa elementare, ma scegliere il prodotto sbagliato per il progetto può diventare davvero una situazione frustrante!! :em24:

    Spero che questi pochi elementi ti possano aiutare…se hai bisogno di info più specifiche….siamo qui! :em47:

  2. Grazie per la celere e obiettiva risposta!

    Se hai qualche tip per “ottimizzare” un po’ (soprattutto la parte DB che mi sembra la più pesante) di pure… non posso altro che ringraziarti!

  3. Ciao Dario, sicuramente Ez è un prodotto pesante, con una curva di apprendimento davvero notevole…

    ha però molti vantaggi, primo fra tutti la possibilità di gestire da interfaccia la progettazione della struttura della piattaforma: la gestione delle classi, delle relazioni e delle collocazioni tra gli oggetti rende questo prodotto sicuramente interessante..

    ..questo permette di concentrarsi nello studio e nella realizzazione del layout, con il metacodice (smarty-like) che la piattaforma mette a disposizione: purtroppo è necessario fare molta attenzione alle queries che vengono generate: normalmente la grande lentezza deriva da quelle!

    Rispetto ai CMS più diffusi ha sicuramente la pecca di essere complicato e pesante, ma per progetti di una certa “grandezza”, secondo me rimane una buona scelta!
    :em21: :em21:

  4. Per la mia esperienza di lavoro ritengo EZ molto pesante, molto lento e soprattutto scomodo per lo sviluppatore sotto molti punti di vista (la fanno grossa la cache e la struttura DB grottesca)

  5. ciao e benvenuto! Puoi dare qualche dettaglio in più? Precisamente cosa vorresti configurare? non si disabilita la cache? così riusciamo a darti risposte più precise! 😉

  6. Salve anche disabilitando la cache di ezpublish non riesco a configurarlo qualcuno mi potrebbe aiutare gentilmente
    Vi ringrazio anticipatamente
    Ignazio Bruno Zotti

I commenti sono chiusi.