Archivi tag: Linux

JAVA – Gestire, Lanciare, Creare eseguibili Java

Nonostante la crescita esponenziali di linguaggi di programmazioni come PHP o Ruby, Java continua a mantenere un posto di primo ordine nel cuore degli sviluppatori. Oltre all’essere un linguaggio sicuro e divertente, permette di integrarsi in ogni piattaforma, grazie alla Java Virtual Machine, e come se non bastasse, permette l’integrazione di piattaforme stand-alone con piattaforme web-side, lasciando praticamente assoluta libertà di creazione e fantasia allo sviluppatore.

Ci sono molti pacchetti, soprattutto per chi utilizza Windows, che auto-installano Java e che forniscono strumenti per iniziare a sviluppare piccoli applicativi con questa meravigliosa tecnologia. Ovviamente i professionisti si avvalgono di strumenti ben diversi, già a partire dall’installazione, che ovviamente fanno a mano.

In questa mini guida, tuttavia, non ci dedichiamo alla installazione di Java su sistemi Windows o Linux, ma concentriamo la nostra attenzione a come gestire gli eseguibili Java, ovvero i file che permettono alla nostra applicazione di “girare” .

Quando ci troviamo di fronte ad una applicazione stad-alone scritta in java, quasi sicuramente incontriamo file con un’estenzione particolare: .jar . Questa è proprio l’estenzione che caratterizza gli eseguibili in Java, almeno quelli “regolari” (vedramo più avanti che ci sono metodi che permettono la manipolazione di tali file, per estendere il loro utilizzo).

Di fronte ad un file .jar, possiamo utilizzare il seguente comando per lanciare l’applicazione Java:

java -jar nome_file.jar

Qeusto comando è utile per lanciare l’applicazione quando abbiamo a disposizione solo la linea di comando o quando non riusciamo a lanciare l’applicazione direttamente cliccando sul file .jar (probabilmente perchè sul proprio sistema operativo non si è configurato bene l’ambiente, o la variabile CLASSPATH non è stata settata correttamente).

Abbiamo quindi visto il comando per lanciare eseguibili Java: ma se, una volta conclusa la fase di sviluppo della nostra piccola applicazione, volessimo creare un eseguibile? Ecco come fare.

Esistono diversi tool freeware che permettono non solo la compilazione e la creazione di file .jar, ma addirittura di creare eseguibili .exe per l’ambiente Windows. Uno esempio di tale applicativo è scaricabile qui. Java Launcher è veramente un ottimo prodotto: semplice e veloce, leggero e utile per chi, lavorando in ambiente Windows, ha incontrato difficoltà con gli eseguibili Java.

Un altro tool davvero interessante è Jelude: anche questo tool permette di passare da eseguibili .jar a eseguibili .exe . E’ sufficiente seguire questo link per leggere tutta le documentazione e scaricare il necessario.

Ovviamente questi tool sono utili per l’ambiente Windows, in particolare lì dove non è stato installato il Java Runtime Environment (JRE) o il JRE non viene riconosciuto sul proprio sistema Windows (probabilmente in questo caso ci sono problemi di configurazione). Per gli utenti Linux, ovviamente, i file .exe non servono a nulla o quasi, ma non si dovrebbero incontrare grossi problemi, visto che in praticamente tutte le distruzioni JRE è praticamente fornito con il sistema operativo stesso.

Linux – Amministrare server linux da remoto

L’ammistrazione da remoto di server linux può essere effettuata in diversi modi, ma il modo più sicuro ed efficiente è sicuramente l’utilizzo di SSH (Secure SHell), un protocollo che permette di stabilire una sessione remota cifrata ad interfaccia a linea di comando con un altro host.

Supponendo di utilizzare un PC con una qualche versione di linux installata per effettuare la connessione remota, tutto ciò che ci occorre è aprire una finestra di terminale o shell (per chi utilizza windows, è possibile sfruttare tool come Putty per effettuare connessioni remote). Siccome è buona norma non utilizzare l’utente root per lavorare, supporremo che utilizziamo nel nostro sistema di casa un utente diverso, ad esempio user-007. Dunque, aprendo il terminale, a linea di comando vedremo un qualcosa di simile:

$user-007\

Ora, normalmente in remoto ci si collega come utente root, ma allora sorge un problema: nel sistema di casa che utilizziamo per effettuare la connessione remota siamo identificati con l’utente user-007, mentre nell’host remoto vogliamo essere identificati come utente root.

Allora il comando che dobbiamo utilizzare è il seguente:

ssh root@indirizzo_ip

dove al posto di indirizzo _ip ovviamente andremo a mettere l’ip del server con il quale vogliamo effettuare la connessione remota. A questo punto ci verrà richiesta la password di sistema relativa all’utente remoto root: una volta inserita, entreremo nel server e potremo gestirlo da linea di comando proprio come facciamo con il nostro sistema linux locale.

Utilizzare PC domestici con linux per lavorare ed effettuare connessioni SSH è decisamente la cosa più sicura ed efficiente per ammistrare un server da remoto: vi sono tool per windows che permettono di utilizzare meccanismi che simulano o lavorano in modo simile ad un sistema linux per amministrare server linux, ma provate per esempio ad uplodare sul server una grande quantità di dati (ad esempio video o altro materiale multimediale). La differenza che potrete osservare parla da sola.

LINUX – Installare e configurare ISPConfig, un pannello di controllo hosting open source

ISPConfig è un pannello di controllo hosting opensource per server Linux. Attraverso questo pannello, diventa molto più comodo e semplice gestire la configurazione e la manuntezione del vostro server Linux: è un prodotto veramente interessante, soprattutto perchè complete e assolutamente gratuito.

Prima di procedere con l’installazione, è bene che studiate bene i requisiti presentati al seguente indirizzo.

Vediamo come installarlo e configurarlo correttemente. Dopo averlo scaricato al seguente indirizzo, procediamo con la ‘decomprensione’ del file archivio e sistemandoci nella cartella di installazione:

tar xvfz ISPConfig*.tar.gz
cd install_ispconfig

A questo punto siamo pronti per partire con il processo di installazione, lanciando il comando

./setup

A questo punto l’installatore si preoccuperà di tutto il processo, a noi non resterà che rispondere a delle domande che nella maggior parte dei casi sono semplici e chiare. La prima cosa che farà l’installatore sarà compilare Apache con il modulo PHP5: questa compilazioni non modificherà eventuali precedenti personalizzazioni nella configurazione del server wev

Una volta conclusa questa prima fase, sarà necessario creare un certificato SSL: a questo proposito verranno sottoposte una serie di domande, alle quali si può rispondere accettando i valori di default o inserendone di personali.

Bisogna fare attenzione quando raggiungiamo i seguenti punti :

Encrypting RSA private key of CA with a pass phrase for security [ca.key]

Encrypting RSA private key of SERVER with a pass phrase for security [server.key]

del processo di creazione del certificato, perchè qui possiamo chiedere se vogliamo crittografare la password realativa. E’ importante scegliere no, perchè altrimenti ogni qualvolta intendiamo riavviare il sistema ISPConfig ci verrà chiesta una password, e questo comporta che non è possibile riavviare il sistema senza un intervento umano.

Se ci troviamo di fronte un fallimento della compilazione, il processo di setup viene interrotto e i file finora compilati vengono rimossi. Dal messaggio di errore, dovrebbe essere chiaro il problema: una volta risolto, si può procedere nuovamente con il processo di setup.

In caso di successo, invece, ci verrà chiesto di scegliere una lingua: questa scelta si riferisce al linguaggio dell’interfaccia di ISPConfig. Una volta accetta la licenza, che consigliamo di leggere bene, viene chiesta la modalità di installazione: sarebbe meglio scegliere la modalità expert, perchè permette un maggior controllo sull’installazione. Quindi digitiamo 2 e proseguiamo con il processo di installazione.

Segue il riconscimento del daemon postfix, e la scelta della web-root: se non ci va bene la proposta di default, digitiamo n ed inseriamo la cartella che preferiamo. Inserita la web-root verranno richiesti ulteriori dati di configurazione:

Please enter your MySQL server: localhost
Please enter your MySQL user: root
Please enter your MySQL password: (inserire la pass scelta durante l’installazione del MySQL Server)

Please enter a name for the ISPConfig database (e.g. db_ispconfig): db_ispconfig
Please enter the IP address of the ISPConfig web (e.g. 192.168.0.1): xxx.xxx.xxx.xxx (Inserire il proprio IP)
Please enter the host name (e.g. www): www
Please enter the domain (e.g. xyz.de):
tuodominio.com

Please select the protocol (http or https (SSL encryption)) to use to access the ISPConfig system:
1) HTTPS
2) HTTP
Your Choice:
1

Se stiamo procedendo ad una installazione di test, il nome host lo possiamo lasciare vuoto, e al posto del nome di dominio possiamo inserire l’indirizzo IP.

Una volta completati tutti i passaggi ISPConfig sarà finalmente installato sul proprio server. Se durante l’installazione abbiamo indicato www come nome host e tuodominio.com come dominio, allora l’interfaccia di ISPConfig sarà raggiungibile al seguente indirizzo:

https://www.tuodominio.com:81 o http://www.tuodominio.com:81

Il primo login andrà fatto inserendo admin come username e password. Ovviamente la prima cosa da fare una volta installato il pannello, è proprio quello di cambiare questi dati, viato che quelli di default non sono mai sicuri.

L’installazione è conclusa, e al seguente indirizzo potete trovare il manuale di utilizzo del pannello. Le istruzioni di installazione dettagliate per ogni sistema operativo linux sono disponibili qui.